UNA NUOVA AVVENTURA STA PER COMINCIARE!

Per sei mesi abbiamo immaginato una storia per raccontare il Paese. Oggi siamo felici di condividere con voi che Simmetrico si è aggiudicato la gara per il Padiglione del Principato di Monaco a Expo Astana 2017. #staytuned #staycreative

14355135_1092930737420648_3976297681384531204_n

Alzati, sta passando la tua storia. Stand up, for your story.

29_07_2016_Newsletter

di Daniele Zambelli,
Presidente e Direttore Creativo di Simmetrico Network

Storytelling, è una parola abusata e il più delle volte fraintesa.

Un uso inconsapevole di questo termine e un travisamento del suo valore hanno portato a teorizzare la morte dello storytelling, inventando per esso interpretazioni che sembrano partorite da un marketing a cui interessa più la forma che la sostanza delle cose.

Lo storytelling non può morire. La condivisione di storie rende l’uomo l’animale sociale più evoluto di questo pianeta, e permette alla nostra specie di crescere, di trasformarsi, di evolvere: ci permette di aspirare.

La narrazione è lo strumento che consente la condivisione con l’altro, è la prefigurazione condivisa che ci consente di “aspirare insieme” per ingaggiarci in un’impresa.

E’ un bisogno antropologico: la tribù si riuniva intorno a un fuoco e le storie di caccia, i grandi predatori carnivori, le forze della natura venivano trasformati nei racconti del mito. Il capo guidava l’impresa del giorno ma la notte, quando l’oscurità faceva piombare i cuori nell’atavica paura dell’ignoto, era lo sciamano che “ipnotizzava” le menti con un racconto che esorcizzava il terrore per la bestia nascosta nel buio. Il fuoco scaldava i corpi, il racconto trasformava la paura in coraggio, unendo la comunità in un comune proposito. La caccia del giorno dopo sarebbe stata un successo.

Con la narrazione è nata la civiltà. La scrittura e l’arte hanno tradotto la narrazione in rappresentazione, e la rappresentazione è molto di più della lettura della realtà, è il racconto del potenziale espressivo umano che la realtà racchiude: la possibilità.

Oggi come allora, il racconto svolge lo stesso ruolo: la narrazione è l’unico strumento di interpretazione e di aggregazione sociale di cui disponiamo per condividere uno spazio di azione che valorizzi le diversità, e che manifesti risposte nuove in un mondo sempre più complesso, in cui paura e incertezza confondono le priorità.

Il nostro tempo è caratterizzato da veloci e contrastanti cambiamenti, con con cui dobbiamo fare i conti e questo genera due tipi di storie: da un lato le storie che costruiscono steccati, per rifugiarci in ciò che già conosciamo, nella nostra area di comfort, confondendo l’identità con la paura e impedendoci l’accesso al confronto, alla novità, alla condivisione. Una falsa sicurezza che ci rende prigionieri di noi stessi e della nostra memoria.

Dall’altro lato le altre storie, quelle che integrano in modo generativo la nostra identità e le nostre radici, con le complesse domande che la modernità propone.

Queste storie ci proiettano verso il mondo alla ricerca del confronto e della relazione con la diversità, e ci sospingono a vincere la paura di muoverci verso il nuovo, il non conosciuto, il futuro.

Volenti o nolenti una storia sarà raccontata, che lo si faccia noi in modo consapevole o si lasci ad altro la possibilità di farlo, questo determinerà ciò che siamo oggi e quindi il nostro domani.

Credo sia essenziale, per chi fa impresa e vuole crescere e non soccombere alle complesse sfide della contemporaneità, porsi una domanda molto semplice:
Quale storia vogliamo raccontare di noi stessi al mondo?
Quale è la storia più efficace, quella che ci mette in moto verso il cambiamento?

A questo serve la narrazione: a definire nel presente la possibilità di noi stessi nel futuro, liberando le energie contenute nella nostra storia.

Serve a trasformare in nuova energia la nostra esperienza, ricordandoci il nostro valore.

La narrazione “estrae dal suo tesoro cose nuove e cose antiche” e realizza la novità, produce l’innovazione.

I mercati globalizzati, i cambiamenti sociali e tecnologici sempre più veloci, che ridefiniscono linguaggi e contesti in tempi che non coprono nemmeno lo spazio di una generazione (e non era mai successo nella storia umana), sono la “bestia che ci terrorizza nel buio”.

La paura ci getta nell’emergenza, ci fa costruire muri che ci impediscono di cogliere l’opportunità, ci distoglie dal comprendere che per fare innovazione abbiamo bisogno di condividere una nuova narrazione di noi stessi con gli altri. La responsabilità della Leadership oggi prevede questa consapevolezza.

Non possiamo distrarci: ogni azienda deve rifocalizzare la propria visione partendo dal suo patrimonio immateriale, dalla sua storia, dalle sue radici, dai suoi “perché”; e non per chiudersi in essi, ma per creare partnership, per costruire attraverso il suo valore interno, una strategia che produca crescita, miglioramento e innovazione che le permetta di essere competitiva ampliando la sua stessa visione.

Accettare questa sfida significa essere attori consapevoli della propria identità che si rinnova aprendosi al cambiamento.

Usare ogni energia per difendere piccoli baluardi destinati a sgretolarsi sotto la pressione di un mondo che cambia sempre più velocemente, è una battaglia persa in partenza, ci trasforma in schiavi dell’urgenza. Occorre alzare la testa, scrutare oltre l’orizzonte, e per farlo abbiamo bisogno di una torre su cui salire, e questa torre è proprio la nostra stessa storia riletta, rinnovata e condivisa.

Se questo vale per i singoli e per le aziende, ancor di più vale per il sistema paese: “Ci vuole uno storytelling migliore, capace di esaltare le nostre unicità”, è stato detto nella ricerca “Italy: a new deal, a better future”, realizzata da EY in collaborazione con l’Università Bocconi, Invitalia e Sace.

Per questo in Simmetrico due anni fa abbiamo deciso che occorreva un nuovo racconto di noi stessi, che prendesse le nostre migliori attitudini e le proiettasse verso il futuro. Da lì è nata la divisione “ Simmetrico Cultura ” dedicata alla realizzazione “in house” di format di entertainment e divulgazione culturale. Sono stati sviluppati sette progetti originali basati su una vasta gamma di contenuti che appartengono al patrimonio culturale dell’umanità. I più recenti sono un progetto che celebra la luce come fenomeno sociale, culturale e scientifico e un altro dedicato a uno dei protagonisti della storia moderna: Ernesto Che Guevara.

Abbiamo deciso di scommettere sull’idea che fosse importante implementare la nostra proposta di servizi con nostri prodotti autoriali, immaginando che il futuro non sarebbe stato più solo vincere gare su commessa, ma proporsi come content provider anticipando bisogni e offrendo prodotti sul mercato della comunicazione culturale.

Questa novità ha subito generato nuove dinamiche che hanno attratto nuove skills professionali, e nuove partnership, rinnovando all’interno dell’azienda un’energia di cui hanno beneficiato anche i progetti derivati dalle commesse.

Scegliere di ridefinire la propria narrazione è un atto di coraggio obbligatorio, significa posizionarsi rispetto al cambiamento con un atteggiamento che è frutto dell’incontro fra la nostra storia passata e il ruolo che vogliamo svolgere nel futuro.

Ogni Impresa, ogni imprenditore è un differenziale fra due mondi quello “utopico” della visione e della possibilità e quello fattuale della concretezza e della sostenibilità. Trovare una sintesi che ci mantenga al centro: è il lavoro… ma questa è un altra storia.

Il percorso di sviluppo ed innovazione condotto in questi ultimi anni in Simmetrico si è ispirato fortemente alle idee ed al lavoro di uno dei comunicatori per noi più interessanti della contemporaneità: Patrizio Paoletti. Le sue idee hanno segnato e seminato la nostra crescita ed è quindi doveroso, in questa sede, citarlo e ringraziarlo per la sua costante e preziosa opera di consapevolezza, un lavoro che getta un ponte rivelatore fra idee antiche sull’uomo e i luoghi del suo possibile futuro.

Siamo alla fine dell’anno lavorativo che si chiude con le vacanze estive e quindi approfitto dell’occasione per augurare a tutti gli amici che hanno avuto la pazienza di arrivare alla fine di queste righe: buone vacanze e un periodo di felice e meritato riposo.

 

 

 

Simmetrico Network per Autobest 2016

La nuova Fiat Tipo si è aggiudicata il premio Autobest 2016 in un evento firmato Simmetrico Network.
Abbiamo sviluppato il concept creativo, progettato il set-design, realizzato tutti i contenuti video e curato la regia della serata di gala al Teatro Vetra di Milano.
La location si è trasformata in un vero e proprio Teatro dell’opera: un sipario di tulle in proscenio ha regalato un ambiente prospettico di grande respiro, diventando la superficie di proiezione e la scenografia dell’evento, mentre un’orchestra dal vivo ha eseguito le migliori opere della tradizione italiana. #staytuned #simmetriconetwork #staycreative
 Screen Shot 2016-02-15 at 19.44.23
 –
Screen Shot 2016-02-15 at 13.06.23
 –
Screen Shot 2016-02-15 at 13.13.28
 –
Screen Shot 2016-02-15 at 13.15.11

UNA MOSTRA PER ERNESTO “CHE” GUEVARA

Simmetrico Network ha ospitato nei suoi uffici di Milano Camilo Guevara e la dott.ssa María del Carmen Ariet, coordinatrice scientifica del Centro Studi Ernesto Guevara.

L’ incontro è stato organizzato da ALMA, società di cui Simmetrico fa parte, incaricata direttamente da RTV Comercial (emittente televisiva nazionale Cubana) per sviluppare la mostra dedicata a Ernesto “Che” Guevara.
E’ stata un’importante occasione per presentare il progetto di cui Simmetrico cura il concept creativo e la progettazione. #staytuned #staycreative #simmetriconetwork

21_PNG

08_LOW

“Le idee hanno potere se condivise, le idee hanno potere se accolte”

Daniele1_bigtumbnail

di Daniele Zambelli
Fondatore, Presidente e Direttore Creativo di Simmetrico Network

 

La condivisione non è solo un nuovo modello di consumo, ma anche un modo alternativo di lavorare, di prestare, di muoversi, di imparare, di stare insieme. Quindi di pensare.

La definizione di Sharing Economy comprende forme diverse che, rispondendo a nuovi bisogni, offrono reali opportunità di sviluppo. I co-working sono luoghi dove l’innovazione, la collaborazione, l’economia, il lavoro e le idee non sono solo parole, ma sono spazi dove le cose accadono per davvero, così come sono reali i progetti finanziati dal crowdfunding, che trova proprio nella partecipazione attiva della collettività la sua carta vincente.

La crescente necessità di interagire con le aziende e le istituzioni in modalità meno verticali ma più partecipative, trova una risposta in molte startup che aprono a nuovi scenari relazionali.

Chi fa eventi, chi si occupa di comunicazione, deve ridefinire il proprio modo di concepire il lavoro.

Bisogna continuare ad investire sui contenuti come materia prima per la narrazione di storie da portare nel mondo, ma occorre cavalcare il cambiamento e praticare l’innovazione, consapevoli che non esiste più evento senza una piattaforma digitale che conduca spontaneamente e attivamente gli utenti ad amplificarne i contenuti sui nuovi media.

E che ne quantifichi il successo.

Expo Milano 2015 è stata per noi l’occasione di partecipare a un grande progetto chiamato ad unire Paesi e culture. E non parlo solo della cultura intesa in senso classico o come tradizione, parlo anche di cultura come innovazione, come capacità umane che sviluppano, che fanno impresa, che valorizzano il territorio e che sono il vero pilastro dell’economia di un Paese. Temi, questi, che hanno guidato nell’estrazione valoriale, e quindi nell’identificazione della narrazione, del Padiglione dell’Azerbaigian, il “gioiello di Expo”, come l’ha subito ribattezzato la stampa, ideato e realizzato dalle fondamenta sino all’ultimo bit di contenuti da Simmetrico network coinvolgendo allo stesso tavolo di lavoro creativi, esperti in tecnologie, in digital strategy, architetti e ingegneri.

E’ stato visitato da oltre due milioni di persone.

E’ con questa forza, con la capacità di gestire sistemi complessi dove l’integrazione e la multidisciplinarietà delle risorse creative e di management sono alla base della creazione di prodotti di successo, che Simmetrico è oggi impegnato anche in America, in Cina e nei mercati del Middle East.

 

“Scopri l’Azerbaijan e vinci i suoi tesori” vince il premio Mediastars

La digital strategy “Scopri l’Azerbaijan e vinci i suoi tesori” ideata, progettata e sviluppata da Simmetrico e Advice Group vince la XX EDIZIONE DEL PREMIO MEDIASTARS.

La 20esima edizione del premio ha visto la partecipazione di 527 progetti di comunicazione e di 126 giurati provenienti da tutta Italia. Advice si è confrontata con importanti agenzie a aziende italiane ed internazionali, aggiudicandosi 5 riconoscimenti:

  • 1°classificato nella categoria Concorsi e Operazioni a Premio
  • 2° classificato Ex Aequo nella sezione Promotions
  • Vincitore di 2 Special Stars per la Direzione Creativa e per il Concept Design
  • Vincitore di una Nomination in Short List

Si tratta di un riconoscimento particolarmente rilevante: Mediastars, il premio tecnico della pubblicità, vede solitamente la candidatura di importanti campagne advertising. Per la prima volta è stato premiato un progetto di Digital Strategy decisamente innovativo, che rivoluziona il paradigma del mondo MICE. Un segnale che il mercato sta cambiando e sempre di più si orienterà verso progetti che abbiano un ritorno concreto in termini di ROI.

EXPERIENCE DESIGN AWARDS 2015: THE WINNER IS …

BELLE NOTIZIE DALL’AMERICA PER INIZIARE BENE IL 2016!
Event Marketer magazine ha svelato i nomi dei vincitori dell’Experience Design Awards 2015:
Simmetrico si è classificato primo nella categoria Best Overall B-to-B Event Environment con l’evento lancio di Alfa Giulia Quadrifoglio e ha vinto la medaglia d’argento per Best Collection of Technology Interactives con il Padiglione dell’Azerbaigian a Expo Milano 2015. (scopri di più…)

event_design_awards_2015-1280x886

ITALIA-AZERBAIJAN, TOGETHER FOR THE FUTURE

The Azerbaijani Embassy in Italy organized the meeting “Italy-Azerbaijan, together for the future.” The event has been intended to bring together all those in recent years have offered their expertise to strengthen the relations between Italy and Azerbaijan, projecting challenges and successes in the future.

Daniele Zambelli, the Founder, President and Creative Director at Simmetrico Network has received the award for the Azerbaijani pavilion at Expo Milano 2015, which has successfully presented the country in the Expo strengthened the relations between the two countries.

insieme15-1

IMG_3708

SHARING IS CARING

Il team di Simmetrico Inc, i primi di novembre è volato a Las Vegas per partecipato a Event Tech, manifestazione di tre giorni con un intenso programma di seminari e dimostrazioni pratiche sulle più avanzate tecnologie legate al mondo degli eventi, per rendere l’esperienza sempre più reale e coinvolgere i partecipanti nella condivisione sui social network

Event Tech ha confermato e amplificato i trend più forti del momento: l’experience, la condivisione, la digitalizzazione e, di conseguenza, l’utilizzo di App che consentano ai partecipanti di condividere la loro esperienza sui social network e di essere informati su ciò che accade durante l’evento.

Al motto di “Sharing is Caring”, i partecipanti all’inizio di ogni evento non sono più invitati a riporre il loro telefono e silenziarlo, al contrario sono invogliati a condividere con i loro follower la loro esperienza e il loro pensiero su quanto stanno ascoltando, vedendo e vivendo. Non più un pubblico passivo quindi, ma una platea interattiva, che twitta, posta e condivide per esplodere il messaggio.

Ogni evento ha un suo hashtag, che permette agli organizzatori di tracciarlo sui social network per poterne così valutarne la performance e l’interesse.

Un evento, quindi, non solo può essere tracciato e verificato tramite analytics (numero dei partecipanti, numero di tweet, numero di volte che è comparso un hashtag, quante persone hanno fatto check-in e quante invece devono ancora farlo), ma anche valutato in base alle performance e ai commenti sui social network, così da arrivare a veri e propri dati sul ROI (Return On Investment) per ogni evento organizzato.